LINOTYPE & LINOTIPISTI

l'arte di fondere i pensieri in piombo

 

PRESENTAZIONE
Amici della Linotype

Andar per Linotype
Posta di Linotype & Linotipisti

Recensioni

LA STORIA
Verso la composizione meccanica
Genesi della Linotype
L'inventore
La Linotype
Linotype in passerella
I meccanismi segreti

LINOTYPE WORKS
Italtype
Menta
Novatype

Linotype in England - L&M
Intertype

MATRICI
Come si fabbricava una matrice

Il percorso della matrice

Traldi & Simoncini

 

RICORDANDO LA LINOTYPE
In punta di penna

Musei della stampa con Linotype

Neram (Armidale, Australia)

 

CURIOSITà
Cent'anni di Linotype
Linotype in versi
Etaoin
Linotype in filatelia

Linotypistes
Linotype in mezzo al mare

Fuoritesto, foto mai viste

Donne in tastiera

LINOTIPISTI
Linotipisti italiani
Diario di un linotipista

Nostalgia
One last line of type

Scuola Grafica Salesiana

GIORNALI & LINOTYPE
La Stampa (Torino)

Gazzetta del Popolo (Torino)
Secolo XIX (Genova)
Tribuna de Lavras (Brasile)

La Nación (Argentina)

El Clarín (Argentina)

The Modesto Bee (California)

Herald & Weekly Times (Australia)

 

 

 

2 - La posta

di Linotype & Linotipisti

 

SUNNYVALE (California). "Thank you for keeping your Linotype Web site updated. It’s always a fun place to visit! Best wishes", Dave Tribby (26 settembre 2006)

 

HAMILTON (Canada). "Dear Giorgio, thank you for the latest edition of Linotype & Linotipisti, it is great! And thank you for your greeting. I alwaiis open your e-mails eagerness and joy. (And, of course, you periodic mailing). Warmest regards and thanks". David Andrus (21 settembre 2006)

 

GISBORNE (New Zealand). "Thank you Giorgio, and thanks again for the cards and letters you send... they are always very much appreciated by me and my fellow workers. Special thanks for the keyrings you sent recently, they were really nice and will be treasured by graham and Trevor. You are a great friend - thank you". Rodney Clague (21 settembre 2006)

 

DUBLIN (Eire). «Ciao Giorgio, vedo che "Linotype & Linotipisti" si è ancora arricchito ed ora ci sono fotografie di linotipisti dappertutto. Sono fiero che la mia foto è in bella mostra, è un grande onore. Quello che avete fatto è apprezzabile e ti ringraziamo.  È bello vedere tanti "colleghi". La nostra professione era davvero speciale e dobbiamo tenerne viva la memoria. Noi, ex linotipisti, abbiamo un grande debito con te. Spero di visitare Mondovi un giorno, per dirti “ciao„ e incontrare tanti fratelli linotipisti. Sarebbe una cosa veramente bella. Arrivederci per ora»Karl Vogelsang, Library Assistant "Royal Irish Academy" (1 settembre 2006)

 

WEISSENBURG (Germania). "Dear Sirs. Could you please give me informations about a linotype machine model-no 7R, machine-no 3383. We are mostly interested in the age, the weight and the measurements, but also in all other available informations. Many thanks and kind regards", Michael Moedl (16 agosto 2006).

 

POINT LONSDALE (Australia). "Dear Giorgio, First, let me apologise for not thanking you earlier for the wonderful parcel of celebratory material you sent me about the 120th anniversary of the Linotype. My typesetting friends were amazed at the beautifully typeset and printed work. It is still being distributed. You may be interested to know that a man I know who has a printing museum with 40 Linotypes in it. He conducts classes in hand-composition from the case and has hundreds of type cases. He also has Ludlow machinces, type casters, early electronic type-setters. His problem is that he tries to run the museum with the help of only a very few dedicated people and his museum is in a terrible mess. My partner and I called to see him a while ago and the first thing I saw was a man cleaning up a "squirt" on the only Linotype that he has working. If I had nothing else to do I would give him some help but I am a documentary photographer (retired) and am terribly busy documenting social change in our country and the world. Thank you once again Giorgio, you are a remarkable man. Best wishes and congratulations. Your friend, John Brant Ellis (6 agosto 2006)

 

VALPARAISO (Cile). "Hola gente de Linotipia. Mi nombre es Ernesto Iturrieta, director creativo de SONRIA FOTOGRAFIA Y DISEÑO, somos un estudio chileno de la ciudad de Valparaíso que ha editado un libro sobre la imprenta en esta ciudad, es un libro de fotografías en donde aparecen máquinas linotipias, nos gustaría hacerles llegar un ejemplar a vuestras oficinas. Quisiera saber si les interesa el tema, a dónde y a nombre de quién hacemos el envío. Gusto en saludarles. Atte". Ernesto Iturrieta Andrardes (16 luglio 2006)

 

ALEXANDRIA (Egitto). "Dear Sir, the Bibliotheca Alexandrina is going to establish the first printing museum in Egypt which relates the history of printing in Egypt since 1815. among the possession of this museum is the Linotype and Intertype machines. I ask you for a brief archiving about these two machines, their history, their models. I attach their photos. To have more information about the museum, please consult the website www.bibalex.org/bulaqpress". Ahmed Mansour, Researcher Calligraphy Center Bibliotheca Alexandrina

 

MODESTO (California). "Estimado amigo Giorgio recibi su amable invitacion de linotipistas que se van a encontrar el 28 de mayo, precisamente el mismo dia que partimos mi esposa y yo hacia Paris. Vamos a visitar Italia del 22 al 27 de mayo. Llego a Roma el 25 por la tarde y permanecemos hasta el 27. El dia siguiente, 28 partimos para Paris. Me hubiese gustado mucho conocer a usted y tantos otros linotipistas de otras partes del mundo. De Roma le mandare una tarjeta. Un abrazo fraternal de su amigo Mexicano".  Ernesto R. Gomez (6 maggio 2006)

 

TORINO. «Giorgio, "Nuntio tibi gaudium magnum: habemus Linotype" Quando hai tempo passa a vederla così mi dici se manca qualche cosa. Ciao». Ezio Vicario, «La Stampa» (20 aprile 2006)

 

HUNTLY (Scotland). "Giorgio, Thank you very much for your latest e-mail on the Linotype. It was a delight to look at them again and brought a tear to my eye when I remembered how I used to work the Model 50 shown in one of your pictures. There were more thrills in working these than there ever will be typing away at a computer. Thank you once again and all the best for 2006". Alex Bremner (7 aprile 2006)

 

NOVARA. «Ciao Giorgio, scusa se ti rispondo soltanto adesso. Mi ha fatto un gran piacere la tua segnalazione e desidero, una volta di più, complimentarmi per il tuo splendido lavoro, frutto di impegno e serietà. Doti che chi, come il sottoscritto, ha avuto il piacere di "incrociarti" durante la tua attività professionale e fruire della tua preziosa collaborazione, conosce bene. E vedo che ormai ti apprezzano anche all'estero, in ogni continente. Spero di riuscire a incontrarti di nuovo una volta o l'altra. Con un abbraccio e una forte stretta di mano». Pietro Benacchio, giornalista "La Stampa" (4 marzo 2006)

 

EL SOBRANTE (California). "Dear Giorgio: I am really impressed by the new Linotipisti. The graphics are really great and, believe me, in the greatest of detail. And the type is of a size that is quite easy on the eyes. As I read the stories I felt sorry that when I had the oportunity I did not make a collection of equipment photos and the wonderful people I worked with. In my reading of Linotipisti it brought back the fond memories of my days in the US Navy when I worked as a part-time operator at The Washington, DC, Star newspaper. There was a such war-time shortage of operators the newspaper sought part-time operators from the military personnel stationed at the numerous military bases in and around DC. After leaving DC I was transferred to San Pedro, California, shipyards where I installed the print shop on board a Navy seaplane tender. And, of course, included, eventually was a Model C Intertype that we picked up from the Navy Base on the island of Guam. That was a real challenge but eventually provided enough typesetting capability to publish numerous newspapers for the fleet. After leaving the US Navy I travelled extensively working as an operator/machinist in numerous papers around the United States. Included newspapers such as The Baltimore Sun, Chicago Tribune, The San Antonio Light, Dallas Morning Herald, The San Diego Union Tribune and many, many commercial typesetting shops. While working in the commercial end of things I operated and maintained the new, at the time, Mergenthaler Linofilm. As I think back it has been a really challenging and rewarding work experience. An experience and an era that will truly be missed by myself and I'm sure yourself as well. I am proud to be included in your brotherhood of those who fussed, fiddled and cajoled the ole' Linotype to get the job done. Sincerely, your Linotype compadre". Paul J. McIntosh (23 febbraio 2006)

 

ENTRE RIOS (Argentina). "Gracias Giorgio. Ahora mismo ingresaré a la página renovada de Linotype & Linotipisti. Que tengas un año 2006 muy venturoso en el nuevo paisaje que has elegido para vivir". Luis Jacobi (2 febbraio 2006)

 

SUNNYVALE (California). "Giorgio, Congratulations on your updated site!  It certainly contains a lot of interesting information -- in both text and photographs.  I can tell you put a lot of time gathering and entering the articles. I tried visiting earlier in the week and couldn't make contact. But now it seems to be working just fine. Best wishes". Dave Tribby, "American Amateur Press Association" (2 febbraio 2006)

 

HAMILTON (Canada). "Dear Giorgio, after a few tries, I finally connected to your revised website, and it is great! There is something about an international connection to those who love the machine that is deeply gratifying, and wonderful. And I thank you for letting me be part of it by including some of my poetry about the machine. All the best, and thank you for your efforts". David Andrus (30 gennaio 2006)

 

MAHOMET (Illinois). "Please forgive me for writing to you on this "modified Linotype" but it may be easier for you to read than if I wrote longhard. Wish I could read Italian so I could get full benefit of the page you sent showing you at the machine (probably running it for some visitors at a museum or building that still has one running) and possibly one of the places where you were employed. It remind me of the papers I worked for. The San Diego, California and the Phoenix, Arizona papers had around 50 machines and The News-Gazette here in Champaign, Illinois had 37 machines. There were about 52 employees at that time but when I retired almost 4 years ago the only had 13 people left in the composing room and had around 8 computers. Things really changed. Guess I retired at the right time. Here's wishing you the best in health and happiness and a really long retirement". Leo Schwaiger

 

HAMILTON (Ontario, Canada). "Hi, Giorgio! It sure is good to have a Linotype buddy: I tried to open the new web site, but had some trouble with it. If you find there is a problem, please let me know - I'm anxious to see you latest efforts". David Andrus, Linotype operator and poet-typologist (30 gennaio 2006)

 

ARMIDALE (New England). "Giorgio, It look good - excellent work! The story by Phil is memorable - "...when a I was a boy..., I visited a composing room as part of one of these tours newpapers give schoolchildren. After he had asked my name amid the clattering, a Linotype operator said, "here kid, but be careful, it's hot". Then he dropped a slim block of metal with my name spelled backward on it into my hands." Exactly the same thing with me! I still have that slug!". Dean Davidson, Computer System Officer, School of Psychology University of New England (24 gennaio 2006)

 

COLUMBIA (Maryland). "I just looked at the updated site. It is very well done. I didn't see an English version the poem". Art Stowe (24 gennaio 2006)

 

MIAMISBURG (Ohio). «Carissimo Giorgio, grazie tante per il tuo affettuoso pensiero di Natale. Mi fa tanto piacere sapere che tu mantieni ancora viva l'arte della tipografia. Mi fa sempre piacere ricevere notizie dall'Italia, e soprattutto di un'arte così antica che solo pochi ormai possono veramente capire». Lloyd Adams (25 dicembre 2005)

 

PIACENZA. «Qui, a "Libertà", cresce il Museo della Stampa che nel 2002 è stato visitato da oltre tremila studenti. Per la fine del 2003 apriremo un'altra ala, con una macchina da stampa del 1900, ancora funzionante, come lo sono anche le nostre dodici Linotype». Gaetano Rizzuto, direttore della «Libertà» di Piacenza

 

MAHOMET (Illinois). «Sono stato linotipista per tanti anni. Sono in pensione dallo scorso marzo. Ho fatto vedere la matrice della Linotype ai giovani impiegati al giornale e loro sono rimasti piacevolmente stupiti nello scoprire come si lavorava allora». Leo Schwaiger

 

EL SOBRANTE (California). «Grazie per mantenere vivo il ricordo della nostra amatissima Linotype». Paul J. McIntosh

 

GISBORNE (New Zealand). «Qualche tempo fa ho promesso di inviarti una fotografia degli ultimi nostri tre linotipisti (io, Graeme Miller e Trevor Petterson), ma sfortunatamente ho avuto problemi di salute e così non sono riuscito a mantenere la promessa. Ritornerò al lavoro a fine gennaio e farò tutto il possibile per inviarti le foto di noi tre con la nostra Intertype». Rodney Clague

 

MIAMISBURG (Ohio). «E' un piacere tenersi in contatto con chi è interessato a mantenere  viva la storia della Linotype. E' invece malinconico sapere che non sentiremo mai più i suoni della Linotype e il profumo d' inchiostro delle vecchie tipografie. Continua a ricordare la nostra straordinaria professione. etaoin shrdlu». Lloyd Adams

 

Bad Homburg (Germania). «Mi piace il vostro sito e le vostre attività. Vi auguro un buon Natale e un felice Anno Nuovo. Sono webmaster del Klingspor Museum che contiene i tesori di tanti famosi disegnatori come Rudolf Koch e tanti bellissimi libri». Hotmar Hoefer, Linotype Library GmbH

 

LAVRAS (MG - Brasile). «Un saluto fraterno insieme con gli auguri di un felice Natale e un Anno Nuovo. Un abbraccio dall'amico linotipista "Filho"». Aureo Rufini

 

TORINO. «Complimenti vivissimi per la tua attività a favore della categoria». Renato Boglione, presidente «Progresso Grafico»

 

SUNNYVALE (California). «Ti ringrazio per i saluti dall'Italia. Ho ricevuto con gioia la raccolta delle poesie: è arrivata in California in buone condizioni. Vedo con piacere che continui a curare il sito sulla Linotype. Ti auguro un buon Natale e un prospero 2003». Dave Tribby, American Amateur Press Association

 

TUNISIA. «Sono un tipografo tunisino (Imprimerie Le Secours). Vorrei sapere dove potrei trovare delle matrici di profondità americana per Intertype». Ali Ben Mohamed

 

HUNTLY (Scozia). «Grazie per il libretto di poesie sulla Linotype. Certamente il lavoro al computer non è così eccitante come quello alla Linotype». Alex Bremner

 

MODESTO (California). «Nel 1950, a sedici anni, iniziai la mia professione di linotipista in un giornale. Allora non mi sarei mai immaginato di poter un giorno leggere storie e aneddoti di tanti colleghi linotipisti. Abbiamo respirato fumi di piombo e odore di inchiostri, ma abbiamo svolto una bella professione. Eravamo i primi a essere informati su quanto succedeva nel mondo. Noi linotipisti abbiamo tante cose in comune. Un abbraccio fraterno». Ernesto R. Gomez

 

CITTA' DI CASTELLO (PG). «Sono un ex linotipista di 46 anni. Anche se è da parecchio tempo che non lavoro più alla tastiera la Linotype mi è rimasta nel cuore. Mi ricordo ancora quel primo giorno quando mio padre Luigi (grande tastierista nonché meccanico) mi consegnò una Modello 1 revisionata (poi ho lavorato alla Modello 5, Modello 31 e alla Comet): mi sembrava di toccare il cielo con le dita tanta era l'emozione. Me ne innamorai subito. ETAOIN, che passione! Avevo 17 anni e piano piano incominciai a conoscere la tastiera, purtroppo quando ero diventato un buon linotipista le Linotype sono scomparse una dopo l'altra in tutte le aziende della zona, come inghiottite da una tecnologia ingorda che non tiene conto dell'amore che una persona può provare per una macchina. Addio matrici, spazi mobili, magazzini, misurine, grafite, ecc. Mi fa piacere che ci siano ancora persone che amano queste meravigliose macchine che porterò sempre nel mio cuore». Paolo Tappini

 

«Ho letto con un po' di commozione la pagina dedicata alla Gazzetta del Popolo, che leggevo, ancora liceale, quando abitavo a Torino. Credevo che ormai nessuno se ne ricordasse, in un mondo dove le estinzioni ormai passano inosservate. E' stato un pezzo importante del mondo torinese che se n'è andato, ed è una vergogna che nessuno oggi, fra tanto frastuono sulla libertà di stampa morente e amenità varie, si ricordi di questa gloriosa testa che è stata fatta morire, tanto tempo fa, senza possibilità di appello; neanche un piccolo pezzo le è mai stato dedicato. E così, piccolo uomo, porto in me questo piccolo pezzo di storia, fidando che, finché qualcuno se ne ricorderà, la Gazzetta non morirà del tutto». Daniele Piccini

 

TORINO. «Stanno spostando una Intertype da un posto coperto all'aperto nel cortile della Scuola Bodoni. Abbiamo ancora una Italtype Mod. Alfa al coperto. Pensa che a qualche museo, privato, amante del settore possa interessare avere una linotype (anzi due)?». Domenico Ferro, professore dell'Ipsia Paravia

 

GLENDALE (California). «Sto cercando con tutte le mie forze di trasformare il carattere Selene di Simoncini in digitale, ma ho bisogno di trovare molti originali o riproduzioni di alta qualità il più presto possibile. Pensi che il designer sia ancora vivo? E' possibile trovare i disegni originali? Se puoi essermi di aiuto in qualche modo, per esempio indicandomi delle persone che conservino ancora quei caratteri in piombo, te ne sarei infinitamente grato. A settembre sono a Roma dove farò un intervento alla conferenza AtypI». Hrant H Papazian

 

TORINO. «Ho visitato il sito e con qualche rimpianto ho visto le fotografie riguardanti la "Gazzetta del Popolo" dove ho lavorato dal maggio 1971 al gennaio 1975. In una foto accanto a Bergera ho riconosciuto Del Mastro. E' più facile per un correttore di bozze a trent'anni di distanza rammentare il viso del compositore che non quello del linotipista perché il compositore era il naturale interlocutore al di là del bancone dove prendevano forma le pagine. Ricordo comunque bene, anche se non li ho mai più visti, Bergera, Magnetti, Petratto, Pividori, Marcone (il cui nipote era un collega correttore, Viarengo...) e tra i compositori Martinotti (mio grande e sfortunato amico, mancato molti anni fa), Obialero, Garini, Teisa (morto in tipografia, per un attacco cardiaco...). Tutti i miei colleghi d'ufficio li rammento volentieri: da Ferretti (il capo) a Macocco, da Vavalà (cognato di Franco Colombo, giornalista sportivo, morto anch'egli) a Vivalda, a Borgetto, Tos, Erbetta, Emanuel, Folli... e molti altri. Salutami Bergera (uno dei migliori sulla linotype)». Marco Cavaletto

 

HUNTLY (Scozia). «Sono appena stato sul tuo sito: è molto interessante, penso che passerò molto del mio tempo guardandolo. Io, forse te l'avevo già detto, ho imparato a fare il linotipista su una Modello 1, sono poi passato a una Modello 4 fino a quando questa è stata rimpiazzata da una fantastica Modello 48 che era veramente qualcosa di eccezionale. Abbiamo anche noi letto, pagina per pagina, tanti numeri di "L&M". Sono certo che anche tu sei d'accordo con me se ti dico che le Linotype erano mostruosamente grandi in confronto ai computer di oggi che hanno un vastissimo assortimento di caratteri». Alex Bremner

 

«Sarebbe in grado di dirmi (o indicarmi il modo per poterlo sapere) quali erano i prezzi nel 1945 di alcune macchine tipografiche di marche abbastanza conosciute (Heidelberg, ecc.)?». Nereo Zeper

 

PONT LONSDALE (Australia). «Ieri ero all'ufficio del quotidiano locale (The Queenscliff Herald) per parlare a Greg Wane (un ex linotipista che spero tu conosca) riguardo all'articolo su di me che ha inserito sul giornale. Noi parliamo spesso di com'era la tipografia nel passato e com'è adesso. Lascio sempre a malavoglia il suo ufficio. E ieri è arrivata la tua lettera. Se fossi religioso direi che si tratta di un intervento divino! Ti manderò una copia del quotidiano per farti leggere le tante attività in cui mi sono impegnato nella vita». John Brant Ellis

 

HONOLULU (Hawaii). «Ho trovato un film intitolato "Park Row" che è una satira sul lavoro dei quotidiani a New York nel 1890. Il regista è Samuel Fuller e il film dovrebbe essere anche reperibile in Italia doppiato in italiano perché il regista è molto amato in Italia. Oltre a essere interessante (ha immagini incantevoli e purtroppo anche una lunga durata) presenta, tra i suoi personaggi, anche Ottmar Mergenthaler, che si vede impegnato nell'inventare la Linotype». Phil Mayer 

 

«Vi informiamo che abbiamo selezionato Linotype & Linotipisti e lo abbiamo inserito nella categoria "Invenzioni e tecnologie". Inoltre gli abbiamo assegnato il nostro "marchio di qualità"». La Girandola, il portale dei bambini, di Tiziano Trivella e Nicola Rainone

 

CORNUDA (Treviso). «Grazie per averci annoverato tra gli amici di "Linotype & Linotipisti". Il tuo sito è una miniera di notizie davvero dettagliate e utili». Sandro Berra, segretario Tipoteca Italiana Fondazione

 

BELO HORIZONTE (Brasile). «Amo molto l'Italia. Ho trovato molto interessante la poesia di Tonino Bergera». José Maria Couto Moreira, direttore generale dell'Imprensa Oficial do Estado - Minas Gerais

 

PESCARA. «Lavoro ancora con una Linotype Mod. 5. Cerco una mould speciale, altezza italiana con profondità inglese, per corpo 18 e 24, insieme con le fisse dei due corpi e le due misurine corrispondenti di giustezza 28. Il tutto anche usato, purché in buone condizioni». Linotipia Adriatica di Franco Giammarino - info@linotipiaadriatica.com

 

GULGONG (Australia). «Al Gulgong Pioneers Museum's Olde Time Print Shoppe conserviamo una Linotype Mod. 48 e una vecchia Intertype del 1928 con cambio magazzino posteriore. Disponiamo ancora di una Ludlow e di antiche macchine da stampa tra cui una Platina Heidelberg, Vertical Miehle, Wharfedale, Platina Hand Fed e una Albion Press del 1869». Arthur Johnson

 

CRESPO (Entre Rios - Argentina). «Ti ho un po' abbandonato perché purtroppo il mio Paese sta vivendo una grave crisi che però, sono certo, supereremo. Spero di avere presto un po' di tempo per scriverti e inviarti la foto della nostra Intertype come ti avevo promesso. Alla mia età (ho 51 anni) sto studiando giornalismo a livello universitario. Sono alla fine del corso e cerco di far conoscere agli altri studenti quel che significò la linotype nel mondo della carta stampata indirizzandoli alla tua pagina web». Luis Jacobi, Editore del settimanale «Paralelo 32»

 

BARCELLONA. «Sono un ricercatore in storia tipografica nell'Università di Barcellona. Vorrei avere informazioni su un carattere tipografico chiamato Dominante, disegnato dal tipografo tedesco Johannes Schweitzer e messo in commercio da Ludwig & Mayer e Simoncini intorno al 1960. Desidererei maggiori informazioni sull'occhio del carattere e sul disegnatore». Nuno Vargas, Ricercatore di Storia tipografica, Università di Barcellona

 

PIACENZA. «http://quotidiano.liberta.it/Pubblicazioni/LinoTIME è l'indirizzo di "LinoTime". Inoltre le comunico che "Libertà" sta preparando un sito dedicato al proprio Museo della Stampa all'indirizzo http://leRotative.liberta.it». Marco Molinari, Responsabile Libertà On Line, Portali Editoriali di «Libertà» - Quotidiano di Piacenza

 

ENDWELL (NY). «La poesia "She still sings" è molto bella. La Linotype, è vero, cantava una bellissima canzone per il fortunato linotipista che ballava sui suoi tasti. Essa cantava per noi un motivo particolare. Vivrà sempre nel mio cuore, la mia bella Linotype. Essa poteva cantarti una canzone e intanto regalarti uno spruzzetto bruciante che partiva dal suo caldo crogiolo e ti segnava la pelle, ma era anche così civettuola... Erano dei bei giorni. Davvero». Karl Saddlemire 

 

MIAMISBURG (Ohio). «Apprezzo veramente la tua corrispondenza sulla Linotype. Sono ormai più di vent'anni che non lavoro più alla linotype, ma non passa giorno che non la pensi e non ricordi quei meravigliosi giorni. Sono ancora molti i linotipisti in Italia? In America ormai sono un ricordo lontano». Lloyd Adams

 

POINT LONSDALE (Australia). «Congratulazioni per la brochure "L'arte di fondere i pensieri in piombo". Le parole commuovono e riportano alla mente le memorie di quando le mie dita "ballavano sulla tastiera". Ancor oggi quando entro in una tipografia cerco la linotype. Ho lavorato su una Mod. 5 al "Kalgoorlie Miner", Western Australia, nel 1953. Al "Miner" ho fatto girare una Mod. 1 molto vecchia e capricciosa. Una di queste è ora sotto una campana di vetro nell'atrio del "The Herald" e "Weekly Times Ltd." (giornali posseduti da Murdoch) di Melbourne. A fianco, in un'altra cabina di vetro, c'è l'Intertype Fotosetter, la prima macchina fotocompositrice entrata in Australia nel 1956. Ho lavorato su questa macchina per venticinque anni. Ti invierò la mia storia». John B. Ellis

 

RENNES (Francia). «Grazie per la "plaquette" su Linotype & Linotipisti. Il congresso ATypI (Association Typographique Internationale) si terrà quest'anno in Italia dal 19 al 22 settembre». Jacques André, Irisa/Inria-Rennes

 

METZ (Francia). «Vado in pensione, la mia ora è arrivata, avrò molto tempo davanti a me. Dopo 43 anni lascio Le Républicain Lorrain, consigliando ai giovani del giornale di dare uno sguardo a "Linotype & Linotipisti"». Pierre Parmentier   

 

SEATTLE (WA). «Il tuo sito è veramente interessante e molto bene progettato. E' sempre un piacere sfogliarlo». Gabriel Rummonds

 

MODESTO (California). «Ottmar Mergenthaler ha rivoluzionato l'industria tipografica con la sua invenzione della compositrice meccanica; da sempre c'è stata l'ossessione di inseguire una stampa sempre più veloce. Quando nel 1996 mi sono ritirato dal mio ultimo impiego dalla nostra azienda uscivano ogni giorno sei differenti giornali. Io ero camera-man, separatore di colori e preparatore di cliché. Nel 1963, nella stessa azienda, si pubblicava un solo quotidiano e io ero... un linotipista. Mi è spiaciuto questo cambio? Non del tutto. Però, tanti ringraziamenti a Ottmar». Ernesto R. Gomez

 

ALASSIO (Savona). «Auguri di felice Anno nuovo a te e a tutti gli ex linotipisti». Luciano Tarozzi

 

SUNNYVALE (California). «L'aspetto è piacevole, ricco il contenuto e divertente è la lettura di "Linotype & Linotipisti". Grazie per conservare questi ricordi». Dave Tribby, American Amateur Press Association

 

HONOLULU (Hawaii). «Desidero augurarti un nuovo anno molto felice. Sono contento di averti conosciuto. Spero che un giorno sia possibile incontrarci per parlare di linotype...». Tom Conlon

 

ACOMB YORK (UK). «Ho dato uno sguardo al tuo sito aggiornato. L'aspetto è grandioso». Dave Hughes - www.hughesd.fsnet.co.uk

 

FRENCHTOWN (New Jersey). «Non capisco l'italiano, ma grazie e saluti a te. Congratulazioni. "Linotype & Linotipisti" è un'ottima risorsa di storia tipografica. Per piacere vieni a visitare il mio link per vedere in che condizioni è il mio locale di vecchie macchine tipografiche. Dopo un'attesa durata quindici anni c'è molto lavoro da fare, ma ora spero di riprendere l'attività». Alan Runfeldt 

 

PACIFIC GROVE. «Ho intenzione di passare l'indirizzo del tuo sito a tutti gli amici tipografi e linotipisti. Hai fatto un lavoro meraviglioso! Io parlo lo spagnolo, perciò sono riuscito a comprendere molto del tuo testo. Le fotografie sono straordinarie: mi riportano in un mondo scomparso trent'anni fa». John Howells - http://discoverypress.com/books/

 

MODESTO (California). «Colgo questa opportunità per augurare a te, alla tua famiglia, a tutti i linotipisti, a tutti i tipografi e alle persone che hanno dato un contributo alle pagine di "Linotype & Linotipisti" un Buon Natale. Grazie per farci condividere tanti ricordi». Ernesto R. Gomez

 

MEXICO. «Attraverso questo sito sollecito amabilmente informazioni sul carattere Gothic 79 Condensed di 18 punti o un carattere similare sempre in corpo 18». Basilio Ruiz - rugf@prodigy.net.mx

 

«Ho conosciuto il tuo sito cercando nel Web Intertype e Linotype. Io uso ancora una Intertype Monarch e una Elektron. Posseggo parecchi magazzini di matrici italiane e sarei interessato a rimpiazzarle». Colin Ansell, The Type Foundry

 

FIRENZE. «Sono stato incaricato dalla Tipografia Senese di creare il loro sito Internet. Quando mi sono recato a Siena ho trovato una Linotype ancora funzionante. Sono rimasto molto colpito dall'amore con cui il proprietario si dedica alla composizione su questa strana macchina. Le comunico che il linotipista non è scomparso. Sono molto sensibile al fascino di queste macchine». Daniele Corsini

 

COLORNO (PR). «Ho appena visitato il tuo sito, è fatto molto bene. Io sto lavorando per la Pro loco di Colorno è ho scattato qualche foto su vecchie macchine tipografiche che abbiamo raccolto per metterle in mostra. Attualmente il nostro museo è chiuso per restauri». Michele Tagliareni

 

CUNEO. «Sono un linotipista praticante da vecchia data. Desidero ricevere informazioni su aziende in grado di produrmi matrici per euro». Giraudo Teresio

 

SVEZIA. «Ho lavorato come linotipista nella Guiana britannica (Guyana dal 1966) molto tempo fa. Mio padre era capo-reparto in un quotidiano e io e mio fratello maggiore lavoravamo come linotipisti. Dopo due anni di apprendistato ho lasciato la mia patria per l'Inghilterra, sperando di continuare nello stesso lavoro. Ma ottenere quel tipo di lavoro in Gran Bretagna non mi è stato possibile perché è un mestiere che tu cominci a 16 anni e che si tramanda di padre in figlio. Ho dovuto cambiare lavoro. Ora risiedo in Svezia, dove sono arrivato nel 1969 per lavorare in istituti d'igiene mentale. Dal 1995 sono diventato psicoterapista. Ecco come sono andate le cose per questo vecchio linotipista. Ti ho scritto perché l'affetto per quella vecchia professione era veramente forte nella mia famiglia». Larry Taylor 

 

«Grazie per aver avvisato McClatchy del suo sito nella Rete. Sarò felice di passare le informazioni che ci ha inviato ai nostri giornali affinché le possano diffondere agli interessati alle Linotype». Eleanor Shaw, McClatchy Company

 

PENNSYLVANIA. «Alcuni anni fa mia madre (ora scomparsa) mi raccontava che la nonna (sua madre) è stata la prima donna linotipista negli Stati Uniti. Mia nonna lavorava in un giornale di Homestead, Pennsylvania. Il suo nome era Mary Parry Jones Stuart». Joni Singleton

 

«Mio nonno era linotipista e ha lavorato per il "Charleston Mail" (West Virginia) e per il "Memphis Commercial Appeal" (Memphis, TN). Mio nonno è arrivato dall'Italia nel 1922; la sua famiglia era di Bassignana, vicino a Milano». Eric Wheeler

 

MALAGA (Spagna). «Ho trovato la tua pagina web sulla linotipia. Grazie. Sono stato linotipista per vent'anni. Anche mio padre era linotipista. Sono molto felice di leggere una pagina che parla di Linotype». Miguel Angel Roldan 

 

MILANO. «Ho ricevuto il bellissimo cartoncino-ricordo con la matrice della linotype. Un grazie di cuore. E' veramente bello e poi... quella matrice in ottone riporta la mente indietro nel tempo, evocando momenti magici vissuti in tipografia. Le auguro di continuare sempre nella sua attività culturale a favore del mestiere del linotipista (arte tipografica)». Luciano Orsi, direttore Istituto Professionale Pavoniano Artigianelli, via Benigno Crespi 30, 20159 Milano

 

MILANO. «La Fondazione Mondadori è un'istituzione che si occupa di storia e cultura editoriale. Ho letto con attenzione il suo sito e l'ho trovato molto interessante». Adolfo Frediani, Ufficio Stampa Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori www.fondazionemondadori.it

 

PIACENZA. «E' davvero un'arte quella di fondere i pensieri. Qui a Libertà abbiamo ancora una linotype - su quindici - perfettamente funzionante. Bella la poesia "Fratelli in piombo" di Tonino Bergera, vecchio linotipista della vecchia e cara Gazzetta del Popolo». Gaetano Rizzuto, direttore della «Libertà» di Piacenza

 

HAMILTON (Ontario, Canada). «Ho fatto recentemente ristampare un libro di poesie sulla Linotype. S'intitola In principio c'era la Parola, e ricorda il mio passato di linotipista negli Anni 60 e 70 in Canada. Saresti interessato a inserire nel tuo sito un paio di poesie dal libro, e farlo così conoscere ai visitatori?». David Andrus

 

RASTIGNANO (Bologna). «Sono lieto di inviarle uno dei documenti più importanti in mio possesso: è il documentario "Come nasce una matrice", girato nello stabilimento Simoncini nel 1964 nel vecchio formato 8 mm che sono riuscito a riversare in una videocassetta. Ha il sonoro; sono certo che lo apprezzerà. La ringrazio per mantenermi informato sulle sue iniziative per mantenere vivo il ricordo della composizione in piombo». Vittorio Marchesini, ex procuratore delle Officine Simoncini

 

ROMA. «Salve, andare in rete e trovare la vecchia lino; da ragazzino le giravo intorno... il crogiolo, vedere fondere il piombo e il tocco lieve dei linotipisti. Matrici, righe, le cinghie e quel suono... Ora stampare ha altri suoni, ma lo stesso fascino. Sono pienamente d'accordo affinché questa antica conoscenza non svanisca, benché oggi la stampa ha profili di qualità sicuramente più alti». Danilo Vola

 

CRESPO (Entre Rios, Argentina). «Caro Giorgio, lo sai che ogni anno qui in Argentina, nella provincia di Santa Fe, si tiene la Festa nazionale della Bagna cauda? Questa provincia fu colonizzata dai piemontesi un secolo fa. Ho mangiato la bagna cauda una sola volta, la prossima mi porterò una caramella di menta forte per il dopopranzo. Uno di questi giorni scriverò un breve articolo su "Linotype & Linotipisti" sulla rivista di Adepa, l'Associazione dei periodici argentini che riunisce i più importanti giornali e periodici di questo enorme Paese. Io faccio parte del consiglio direttivo, sono stato rieletto la scorsa settimana per altri tre anni. Stasera parteciperò con mia moglie alla cena di chiusura degli atti della Società Italiana di Crespo. Brinderemo in tuo onore. Ti auguro la più grande fortuna per l'organizzazione del prossimo incontro tra linotipisti». Luis Jacobi, direttore di «Paralelo 32» pagina web: www.paralelo32.com

 

BARICELLA (Bologna). «Sono alla ricerca di persone che siano interessate a tre macchine da stampa molto vecchie: una pedalina, una macchina piana per manifesti e una Italtype modello Alfa (a un magazzino) perfettamente funzionante con una ricca dotazione di magazzini con diversi tipi di caratteri (Aster corpo 6; Life 8, 10, 12; Permanent 6, 8, 10, 12, 14; Garamond 11, 14) e una buona scorta di accessori e pezzi di ricambio. Una macchina perfettamente funzionante». Yari Manferdini 

 

TORINO. «Mi complimento per la bella iniziativa che sta portando avanti. Sono istruttore di stampa offset presso la Scuola Grafica Salesiana di Torino e da ragazzo quelle macchine le ho viste tutte e le ricordo bene perché ero stampatore tipografo».». Emanuele Mensa, istruttore di stampa offset presso la Scuola Grafica Salesiana di Torino

 

TORINO. «Mi ha fatto piacere (e commozione, come sai "invecchiando..."), scrivere quelle righe per ricordare mio padre e la gloriosa Gazzetta del Popolo. Il sito è molto bello e rapido da navigare». Gianni Boscolo, direttore mensile regionale «Piemonte Parchi»

 

MILANO. «Abbiamo inserito una breve notizia di Linotype & Linotipisti sul sito internet della nostra rivista "OHT", nella pagina dedicata agli eventi». Integrata Editrice

 

CLINTON  (Michigan, Usa). «E' un sito veramente bello. Io possiedo ancora una Linotype mod. 32 e diversi tipi di caratteri di Simoncini e di Adler Traldi». Phillip Driscoll

 

PIACENZA. «Complimenti per la sua attività e per il suo sito interessante e ricco». Gaetano Rizzuto, Direttore della «Libertà» di Piacenza

 

NEW YORK. «Incantevole! Il vostro sito è bello». Alice Beckwith, American Printing History Association Oral History Project

 

PHILADELPHIA. «Cercherò nei miei archivi per trovare del materiale che possa esservi utile. Linotype & Linotipisti è una grande idea per conservare vivo il ricordo di un periodo importante nella storia dell'editoria». Walter Fox

 

NEWARK (New Jersey). «Purtroppo il computer ci ha portati troppo lontani per potervi fornire informazioni sulla vecchia stampa. Aggiungerò però un link al vostro sito. Auguri per il vostro progetto». Paul Rosetti, Editor «Italian Tribune»

 

MILANO. «Io sono ancora viva! Lavoro sulla mia Linotype due-tre volte alla settimana perché il lavoro che facciamo richiede necessariamente la tecnica tradizionale (o arcaica?) della stampa tipografica. Sono pressoché un'autodidatta della linotipia in quanto ho potuto avere solo le basi indispensabili per poter lavorare, non ci sono stati maestri per me e non conosco la macchina abbastanza bene da poter gestire con serenità gli inconvenienti tecnici che talvolta si presentano». Elena Moro, Edizioni Kronos s.n.c., via Belinzaghi 17

 

CAMDEN (South Carolina). «Il mio bisnonno, James Carme DuPlessis (1868-1936), è stato apprendista all’Oswego Palladium in Oswego County, New York, negli anni 1880, quando le Linotype dovevano ancora essere perfezionate. Si trasferì in Newark, New Jersey, nel 1906 e lavorò dapprima in una tipografia di New York city poi al Newark Star, un quotidiano. Più avanti diventò presidente del sindacato locale dell’International Typographers Union (ITU). Ovviamente non incontrai mai il mio bisnonno, e di lui non ho saputo che quando diventai adulto. Per fortuna ho avuto la possibilità di parlare di lui con mio nonno prima che morisse. Ad ogni modo, so poco di più di quanto si possa leggere sul sito “Virtual Newark” e me ne rammarico. Mi interessai al mondo dei giornali da ragazzino, nelle scuole superiori, mi sono laureato in giornalismo nel 1985 ed ho lavorato la maggior parte della mia vita di adulto come reporter. È appagante sapere che la fratellanza dei linotipisti si estende oltre oceano. Grazie per il tuo lavoro e la tua dedizione». Jim DuPlessis

 

AUSTIN (Texas). «Ho informato del vostro lavoro alcuni dei nostri professori. Sono sicura che saranno interessati». Janice Brandon, Journalism Dept., University of Texas

 

MARTINSBURG (West Virginia). «Passerò le informazioni sul vostro sito a chiunque ne sia interessato. Intanto potrebbe mettersi in contatto con il Newseum di Washington che dispone di molte informazioni sulla storia del giornalismo e dei giornali». Matthew Bieniek, «The Journal»

 

MASSACHUSSETTS. «E' un sito spettacolare. Dovete essere molto contento per aver organizzato una così grande quantità di informazioni sulle Linotype e le Intertype. Applaudo ai vostri sforzi per documentare queste macchine in modo così completo. Anch'io ho fatto funzionare una linotype, ma soltanto in modo casuale. Il tempo sufficiente per vedere cadere gli spazi mobili e inceppare la distribuzione». Michael Babcock, fine design & presswork 

 

ROMA. «Complimenti per il vostro sito Internet che mi è già stato molto utile per ottenere informazioni relative alle Linotype e alle Intertype». Hans Leemhuis

 

PARIGI. «Mi suona interessante. Non ho ancora visitato Linotype & Linotipisti, ma certamente ne darò prossimamente notizia in "Metropole Paris". E ancora spedirò la vostra e-mail a ex-stampatori di Amburgo e ad altri statunitensi. Ricordo il mio primo articolo giornalistico composto con una linotype. Era in un vecchio negozio del villaggio, dove c'erano due linotype, proprio nel periodo dell'introduzione della stampa in offset. Nel retro del negozio c'erano casse di caratteri in legno che ho usato per preparare i titoli "speciali"». Richard Erickson, Producer-Editor «Metropole Paris»

 

VITTORIO VENETO. «Sono un'insegnante dell'Istituto d'Arte di Vittorio Veneto (Treviso), e mi sto preparando all'esame di abilitazione per la classe di concorso "Arte della tipografia e grafica pubblicitaria". Volevo ringraziarla per il lavoro che ha fatto, per avermi dato modo di trovare materiale che penso mi sarà utile per superare quell'esame. E la consultazione di "Linotype & Linotipisti" sarà certamente utile anche ai miei studenti quando l'amministrazione scolastica renderà possibile il collegamento». Franca Pistellato

 

TORINO. «Caro Giorgio, complimenti per quanto fai. Sarò felice di contribuire alla sopravvivenza telematica della cara vecchia amica Linotype». Alberto Sinigaglia, giornalista de «La Stampa»

 

TORINO. «Complimenti sinceri per il sito. E' pieno di informazioni interessanti non soltanto per chi ha lavorato sulle Linotype, ma anche per chi, come me, conosce soltanto superficialmente queste macchine». Luca Ubaldeschi, giornalista de «La Stampa»

 

LOS ANGELES. «Occorre un grande sforzo per costruire un sito così. Continua il tuo lavoro, la tua opera è apprezzata». Mark Barbour, Int'l Printing Museum 

 

DENVER (Colorado). «Aggiungerò un collegamento a Linotype & Linotipisti nella mia rubrica di notizie Etaoin Shrdlu e solleciterò informazioni per il vostro sito. E' un lavoro piacevole». JTM, Editor, The Luddite Reader

 

KERALA (India). «Ho provveduto a inserire un link di Linotype & Linotipisti nel mio sito. E' provvisto anche di traduzione automatica nella lingua inglese». Roy Mathew, Journalist

 

RAVENNA. «Sono un linotipista di Ravenna che ha cominciato l'attività nel 1966 con una linotype mod. 8 e successivamente due Comet con TTS e centratore e una mod. 36 g. 40. Il sito è bello, ma mi sembra incompleto, in quanto sono rappresentate solo macchine del blocco occidentale. E i russi come facevano a fare i giornali?, e i cinesi?». Piero Barrotta

 

SOUTHERN CALIFORNIA. «Linotype & Linotipisti mi riporta memorie delle mie visite al giornale quando giovanissimo fotografavo eventi sportivi delle scuole locali. Faceva veramente caldo nel reparto linotype. Più tardi, durante il servizio militare, lavorai con le TTS che usavano il nastro perforato. Ora mi godo un pianoforte che suona da solo: una "pianola" comandata anch'essa da carta perforata. Ho tradotto in inglese la poesia "Canta ancora"». Robbie Rhodes, Redattore Mechanical Music Digest

 

SIENA. «Sono una studentessa in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Siena. Il suo sito, "Linotype & Linotipisti", mi è stato molto utile per la mia tesi di laurea». Tiziana Landi

 

RIMINI. «Sono un giovane rilegatore che ha aperto una bottega artigiana nel centro storico di Rimini. Ho un'enorme passione per tutto ciò che riguarda l'arte del libro. Per mettere in piedi la mia giovane legatoria sono andato in giro per ferrivecchi alla ricerca di macchine datate completamente arrugginite per portarle nuovamente alla vita. Recentemente sono entrato in possesso di tutta una serie di accessori di una linotype, compresi trenta cassetti di matrici di caratteri. Purtroppo il precedente proprietario aveva già dimesso la macchina linotype dal ferrovecchio qualche anno prima (averlo saputo!). Ora, dopo una ricerca in quel pentolone che è Internet, mi sono imbattuto nel suo meraviglioso sito e ho voluto contattarla. Forse lo avrà già immaginato: difatti sono alla ricerca di una linotype! Esiste una possibilità di trovarne una ancora funzionante oppure ormai sono andate tutte dismesse?». Luigi Castiglioni

 

TORINO. «Hai fatto una cosa grande con questo sito sulla Linotype e sui linotipisti». Ezio Vicario, dirigente area produzione «La Stampa» di Torino

 

POSTUA (Vercelli). «Ti invio una copia di "Tron e Lòsna", Gasetta indipendenta - Avril 2001, che ha pubblicato la notizia del tuo sito e la poesia di Tonino Bergera». Nedo Bocchio Chiavetto, giornalista, redattore di «Tron e Lòsna» dell'Associazione culturale piemontese «El Sol ed j'Alp»

 

LAS VEGAS (Nevada). «Il tuo sito è veramente ricco di informazioni sulla linotype. Informerò i miei colleghi». Mike Johnson, News artist, Las Vegas Review-Journal

 

«Ci fa sempre molto piacere avere notizie e sapere di iniziative interessanti come la sua riguardanti il mondo delle arti grafiche. Il vostro sito è molto interessante e permette a tutti di conoscere una macchina che ha fatto la storia della stampa. Abbiamo apprezzato la sua simpatica e romantica e-mail che abbiamo pubblicato oggi sul nostro motore di ricerca all'indirizzo www.artigrafiche.net/nw/news.cgi?ID=823»

 

NEW YORK. «La nostra rivista Editor & Publisher ha intenzione di pubblicare un breve articolo sul vostro sito. Avrei bisogno di qualche fotografia. Grazie per l'aiuto». Jim Rosenberg, Senior Editor «Editor & Publisher»

 

============================

Idea, grafica e realizzazione di

Giorgio Coraglia

 

info@linotipia.it

 

 

 

 

 

 

 

 TIMONIUM (Maryland). «Ho pensato vi avrebbe fatto piacere ricevere una prima emissione del francobollo di Mergenthaler. Con la sua invenzione ha fatto progredire il mondo più di chiunque altro, tranne Gutenberg». Art Stowe, Printing & Imaging Industries of Maryland

TEXAS. «Caro Giorgio, annuncerò il vostro sito Linotype & Linotipisti il prossimo 25 gennaio». Brenda Kellow, articolista del «Plano Star Courier» e del «Fort Worth Star Telegram Virtual Texan».
 

OPENDE (Groningen - Olanda). «La visita al vostro sito mi ha riportato alcune memorie dei tempi in cui ho lavorato come giornalista per un settimanale di Amsterdam dal 1964 al 1970. Ero impiegato alla produzione tecnica in un giornale olandese di De Tijd ("The Time"). C'erano file di Linotype e, in seguito, di Intertype. Sento ancora l'odore del piombo liquido, ancor di più l'avevo avvertito quando qualcuno aveva messo una cipolla nel crogiuolo. Ritornerò ancora nel vostro sito per godermelo meglio». P. Stuijt, Tresmont

 

NEW DELHI (India). «Cercheremo e avremo certamente contatti con tanti entusiasti della Linotype dell'Asia del Sud. Metteremo un collegamento al vostro luogo sul nostro website». Nares Khanna, Indian Printer Publisher

 

MUNSTERGELEEN (Olanda). «Ho visitato Linotype & Linotipisti: è grande. Lo collegherò prossimamente con il mio sito. Ringraziamenti». Cor Knops, Conservation & Restoration of Books and Paper

 

MARION (Kansas). «Ho saputo che hai costruito un sito sulla Linotype, di cui però ho un indirizzo sbagliato. Ho lavorato nei giornali per 52 anni, iniziando quando la Linotype era ancora l'unico strumento per comporre il giornale». Bill Meyer, Marion County Record

 

CHAMPAIGN (Illinois). «Congratulazioni per il vostro sito. Spedirò il vostro messaggio ad alcuni colleghi dell'Università che ne sanno certamente più di me. Spero che vi contattino. Buona fortuna». Andrea Lynn, News/Features Editor, University of Illinois News Bureau

 

 HOLYOKE (MA). «Caro Giorgio. Ho un manuale di manutenzione e altro materiale sulla linotype, con foto eccetera, che penso di farti avere. Continua il tuo lavoro». Raymond Beaudreau, Elite Printing

 

NEW CASTLE (DE). «Oak Knoll Press è un'editrice di eccellenti libri. Parecchi di questi trattano l'argomento Linotype, una macchina che ha rivoluzionato la stampa. C'è in catalogo una biografia sul suo inventore "Ottmar Mergenthaler. The Man and His Machine" di Basil Kahan». Michael Guessford, Publicity & Marketing Director, Oak Knoll Books 

 

ROOSEVELT (Utah). «Mio padre, Orlando Rachele, è stato un operatore di linotype a Roosevelt, Utah, per più di 40 anni. Ora fa ancora funzionare delle vecchie macchine da stampa in una tipografia di Roosevelt (145 miglia della stampa ad est di Salt Lake City). I miei nonni, Rosina e Salvatore Rachiele (ieri Rachele) sono originari (come mio papà) di Serra San Bruno, Calabria». Al Rachele 

 

GALENA (Illinois). «Per molti anni il Galena Gazette ha mantenuto un museo del giornale nella cittadina. Tuttavia, nel 1987, i costi per il funzionamento del museo sono diventati insopportabili. Il museo faceva conoscere l'arte della stampa nei giornali prima del 1860 quando la composizione si faceva ancora a mano. Mi dispiace dover confessare che non abbiamo mai avuto linotype. Quando abbiamo abbandonato la gestione del museo, abbiamo donato la maggior parte dei vecchi strumenti al Living History Farms di Des Moines, nello Iowa. Abbiamo una coppia di casse di caratteri nella nostra stanza di riunioni. Sono entrato nel mondo dei giornali dal 1976 e ho conosciuto soltanto la composizione automatizzata, anche se mi ricordo di sedersi sul ginocchio dello zio alla Linotype al suo giornale di LeMars, Iowa, all'inizio degli Anni 60. Ho dato la vostra lettera al mio socio di affari, Robert Melvold di Maquoketa, Iowa, che potrebbe suggerirvi qualche informazione. Grazie per il vostro lavoro e per l'interesse». P. Carter Newton, Editor «Galena Gazette» 

 

LIVERMORE (California). «E' stata un'idea meravigliosa unire in un sito tutta la storia della linotype. Ho apprezzato il vostro grande sforzo. Tanti anni fa avevo una Linotype e una Intertype che lavoravano per i miei giornali settimanali dell'Illinois. Ma non ho mai imparato il mestiere e quindi non ho mai usato queste macchine. Ammiro però coloro che ci regalano la conoscenza e conservano il ricordo di un'arte che, non essendoci più nuove linotype, sembrava destinata a sparire velocemente». Barry Schrader

 

MIAMISBURG (Ohio). «Ho imparato il mestiere di linotipista in una scuola di New York nel 1957. Ho poi lavorato in diversi settimanali nell'Indiana per imparare la professione. Sono diventato un operaio qualificato nel 1965 e ho lavorato come linotipista in parecchi posti, poi nel 1970 mi sono sistemato al The Dayton Ohio Daily News per vent'anni fino alla pensione nel 1995. Quella professione mi manca molto». Lloyd Adams

 

DETROIT (Michigan). «Ho scoperto il sito con interesse poiché ho dedicato una vita al giornalismo. E' un peccato, anche se i calcolatori rendono più facile il nostro lavoro, perdere le nostre tradizioni». Tracy Balazy, Editor «Press & Guide Newspapers»

 

KANSAS. «Mi dispiace di non poter essere per voi di molto aiuto. Vi metterò in contatto con gli associati di Kansas Press Association. Mio padre era il general manager di un piccolo giornale. Ho ricordi molto belli della linotype e dei linotipisti sino all'arrivo delle nuove tecnologie nel 1972». Jeff Hixon

 

«Grazie per le informazioni su "Linotype & Linotipisti". Ho insegnato a mio figlio (e poi al nipote) la professione di giornalista e ricordo di aver passato molte ore nelle tipografie dei giornali accanto alle linotype e agli addetti alla stereotipia. Non penso di essere l'unico della nostra Associazione ad avere avuto esperienze del genere. Inserirò un annuncio del vostro sito nel nostro bollettino». Tim Perrin, Newsletter Editor, American Society of Journalist and Authors (ASJA)

 

ESSEX (Inghilterra). «Caro Giorgio, vorrei stabilire un contatto con voi perché anch'io coltivo una storia d'amore con la Linotype. A diciott'anni sono riuscito a montare con successo, dopo nove lunghi mesi, una Mod. 1 (numero 4609). Ho poi usato una Mod. 48 e ancora una Mod. 50 a doppia distribuzione. Ho un amico in città che era uno dei linotipisti più corretti e più veloci: gli farò conoscere "Linotype & Linotipisti" e ci metteremo ancora in contatto con voi». Philip Sherman, Granta Press, Clacton-on-Sea

 

WASHINGTON. «Ho trovato molto interessante il vostro sito su Mergenthaler e la Linotype. E' stato piacevole sfogliare "Linotype & Linotipisti" anche se le mie conoscenze della lingua italiana sono molto limitate. Proprio ieri stavo cercando di scoprire il funzionamento delle linotype. Desidero includere alcune informazioni su una pagina Internet che sto elaborando per il mio insegnamento. Qualunque vostra idea circa un collegamento Gutenberg - Linotype - Internet sarà benvenuta». Tom Glade, Library Director, The National Press Club

 

NEW YORK CITY. «Mi chiamo Suze. Mio padre, Gioacchino (Pete) Rotolo, nato in Sicilia nel 1912, ha lavorato nella fabbrica di Mergenthaler in Brooklyn, New York, negli Anni 50. E' mancato nel 1958, quando ero giovanissima. Ho poche memorie del suo lavoro presso la fabbrica Mergenthaler. Trovo il sito molto interessante». Suze Rotolo

 

KERALA (India). «Visiterò il vostro luogo e provvederò a inserire un link nel mio web. Farò conoscere "Linotype & Linotipisti" anche a vecchi operatori del settore che hanno usato le linotype. Mi congratulo per la bella celebrazione della linotype». Roy Mathew, giornalista, Special Correspondent «The Indu» 

 

ATLANTA (GA). «E' veramente un piacevole sito. Grazie per mantenere in vita la Linotype». David Bell, Director of Institute Development and Assessment, Institute of Paper Science & Technology

 

«David Bell ci ha suggerito di collegarci al vostro meraviglioso sito della Linotype. Avete fatto un grande lavoro e ho apprezzato anche il taglio del testo. Collegheremo il nostro museo a "Linotype & Linotipisti". Ho passato l'informazione a stampatori e librai». Cindy Bowden, Director "Robert C. Williams American Museum of Papermaking"

 

DUBLINO. «L'altro giorno ho ricevuto questa segnalazione. Giorgio ha un luogo molto interessante, una grande risorsa grande per la storia della stampa». Michael Everson, creatore della serie di caratteri Everson mono 

 

BOULOGNE (Francia). «Penso sia una cosa buona per mantenere al mestiere del compositore e alla professione del linotipista un posto nella storia della tipografia». Christophe Badani, "Typophage"

 

DEALE (Maryland). «Il nostro New Bay Times è un giornale giovane (è nato nel 1993), prodotto con le nuove tecnologie. Ma trovo interessante occuparmi anche delle vecchie lavorazioni tradizionali e leggerò il vostro sito. La mia famiglia viene da un paese vicino a Torino». Sandra Olivetti Martin, Managing Editor

 

BLACKSBURG (VA). «Mi congratulo per i tuoi sforzi. Anch'io desidero conservare la storia della stampa. Un mio lavoro si chiama La stampa del passato e lo puoi trovare nel sito di Graphic Communications Central all'indirizzo: www.teched.vt.edu/gcc. Scrivo sulla stampa per puro amore e per mantenere viva la nostra eredità». Frank Granger

 

«Abbiamo visitato con interesse il suo sito: l'argomento particolare e inusuale delle pagine lo fa discostare notevolmente dal solito che si incontra su Internet. A tal proposito auspichiamo che lei aggiunga altre pagine in modo da rendere il suo sito un vero e proprio archivio per gli amanti e gli appassionati della materia». Christian Corradini, responsabile parte grafica, a nome dello Staff di Edizioni Elettriche

 

ARGENTINA. «Ho conosciuto le linotype in un giornale del quale fui condirettrice molti anni fa. Mio marito sta ora perdendo il suo mestiere che è quello di tipografo spiazzato dalle nuove tecnologie. Non posso che emozionarmi ricordando altre epoche... Ho aggiunto un link nelle mie pagine». Prof. Nidia Mabel Cobiella http://www.educar.org/inventos/linotipo.htm».  http://www.redargentina.comhttp://www.educar.org/

 

MILANO. «Abbiamo pubblicato la notizia del sito sulla Linotype all'indirizzo http://gct.mi.it/ultime.htm nella sezione "di interesse generale"». GCT, Unione Industriali Grafici Cartotecnici Trasformatori Carta e Affini della Lombardia

 

MILANO. «Ho visto il tuo sito e ci ho passato parecchio tempo. Poi ho deciso di scaricarmelo tutto, per leggerlo off-line. Mi piace proprio e lo segnalo senz'altro nella rubrica "Cliccati per voi" della rivista "Il Poligrafico Italiano". Commenti? Senza dubbio un sito interessantissimo e sul serio: non tanto per le sciocchezzuole degli effetti grafici fortunatamente assenti, ma per i contenuti». Mauro Stefanini, pubblicista 

 

DENVER (Colorado). «Lo sapete che esiste un video - "All the News That Fits" - girato l'ultimo giorno della composizione a caldo del "New York Times". Qui, in Colorado, c'è un giornale nella piccola città di Saguache (si pronuncia Su-wash) che esce con un inserto composto ancora con la linotype. Farò conoscere il vostro sito ad alcuni tipografi, quelli che ancora si ricordano i tempi della composizione a caldo». Dick Kreck, Entertainment «Denver Post»

 

BUENOS AIRES. «Ho ricevuto il tuo messaggio dall'Editrice Dunken. Mi ha entusiasmato il tuo ricordo della vecchia stampa. Nel mio libro "Qué hacer con mi libro" dell'Editrice Dunken mi sono occupato anche dell'introduzione della Linotype in Argentina, a Buenos Aires. Nei primi anni del 1900 le prime linotype fecero la loro comparsa nei due giornali in lingua inglese. Nel 1905 arrivarono a La Nacion e ciò provocò un grande sciopero dei tipografi». José Luis Trenti Rocamora, storico e bibliografo, dirige la Sociedad de Estudios Bibliograficos Argentinos

 

FREDERICKSBURG (Virginia). «E' un piacere visitare le vostre pagine che fanno rivivere la Linotype. La mia prima volta alla Linotype fu circa sessant'anni fa, l'ultima 33 anni fa quando il mio giornale abbandonò la composizione a caldo. La mia abilità nel comporre alla linotype mi aveva permesso di sostenere parte delle spese universitarie e, in seguito, di dare un aiuto alla mia famiglia nel pubblicare il nostro giornale locale. Ora il mio giornale esce con 48 pagine, il "software" è fornito da un'azienda di Milano. L'ultima Linotype l'ho acquistata nel 1956, era una Comet, che con il nastro della "Teletypesetter", raggiungeva le 12 righe al minuto: non era molto più veloce di quanto avrei potuto fare io manualmente. Ma allora ero direttore generale e non potevo dedicarmi completamente alla composizione. Ora sono editore, ma nutro ancora una grande passione per quella meravigliosa macchina e per il suo geniale inventore, Ottmar Mergenthaler. Vi auguro buona fortuna nella prosecuzione del vostro lavoro per salvaguardarne la memoria». Josiah Rowe, Publisher, The Free Lance-Star

 

OMAK (Washington). «Abbiamo ancora una linotipista nella nostra azienda (ora scrive su personal computer). Si chiama Elizabeth Widel: la potete vedere all'opera sulla Linotype in una foto del 1964 andando alle nostre pagine dei "90 anni del The Chronicle"». Dee Camp, Editor «The Chronicle»

 

TOPEKA (Kansas). «Non colleghiamo solitamente altri luoghi a meno che non si tratti di altre organizzazioni di collegamento, ma sarei felice di mettere le vostre informazioni sul nostro listserve, così da indirizzare gli interessati al vostro sito». Kathy Menzie, Washburn University School of Law Library

 

SHEFFIELD (UK). «Sono un giornalista abbastanza "vecchio" da ricordarsi il suono delle linotype. E ancora mi eccito al ricordo del meraviglioso rumore di sottofondo che accompagnava il giornalista. Grazie per avermi riportato alla memoria quei giorni in cui le mie storie si trasformavano in articoli giornalistici». Dr. P.J. Foster, Department of Chemical and Process Engineering, University of Sheffield

 

BOSTON (MA). «Grazie per averci segnalato il vostro sito sulla Linotype. L'ho sottoposto al comitato di revisione per un'opportuna considerazione». Amy, JournalistExpress Site Maintenance Coordinator

 

TORINO. «Ci ha fatto piacere sapere della sua iniziativa. La nostra associazione è aperta a ogni nuova idea e saremo ben lieti di collaborare con lei». Mario Mercalli, redattore e responsabile pubblicità rivista «Graphicus»

 

BACKSBURG (Virginia). «Anche se non capisco l'italiano, ho goduto nel vedere le belle immagini del vostro sito. Interesserò anche i 325 insegnanti della grafica e della comunicazione (la maggior parte degli Usa) appartenenti alla Graphic Comm Central». Mark Sanders, Program Leader Technology Education, College Human Resources and Education Virginia Tech

 

ROMA. «Le righe che le invio non hanno alcuna velleità del pezzo giornalistico: troppo lungo e troppo particolareggiato per un web site. Rappresentano solo una delle tante memorie che accompagnano il nostro vissuto personale, in questo caso legato alla professione o, meglio, al "mestiere". Le legga in questo senso: un modesto omaggio a chi ha dedicato molti anni della propria vita al giornalismo». Maria Ferrante, direttore responsabile «Italian Network» (vedi In punta di penna)

 

MODENA. «Complimenti per il suo sito. Credo possa farle piacere una mia breve testimonianza sulla cara vecchia Linotype negli articoli scritti per conto del Consiglio d'Europa». Mario Guaraldi, Editore (vedi In punta di penna)

 

PRESTON (Lancashire - Regno Unito). «Non ho da offrirti informazioni sulla Linotype. Però interesserò Clive Goodacre a Bespoke e il Pr di Londra che ti potranno mettere in contatto con altri del Regno Unito». David Stamp, Director of Markenting, Europa, del «Goss Graphic System»

 

PACIFIC GROVE (Canada). «Penso sia importante documentare tutta la storia dei vecchi metodi di stampa, prima che venga tutto dimenticato». John Howells

 

COLUMBIA (MO). «Ho ricevuto la segnalazione del vostro sito. Se non avete obiezioni lo inseriremo nella mia rivista mensile del Missouri Press Association, così i membri dell'associazione potranno rispondervi. La nostra rivista raggiunge molta gente che ha operato nei giornali, alcuni sono anziani che hanno ancora buona memoria sul funzionamento delle linotype. Alcuni di loro, forse, vi faranno conoscere la loro storia. Il mio sito web  (www.mopress.com)è collegato a diversi giornali del Missouri». Kent Ford, Editor, Mo.Press Assn.

 

CHIERI (Torino). «Ho dato una scorsa al tuo interessantissimo sito: complimenti! Mi riprometto di visionarlo con più attenzione appena saprò adoperare meglio questo infernale marchingegno. Anche questa tastiera (non nuova, ma sono totalmente arrugginito) è impersonale e poi non si sentono cadere le matrici». Silano Amato, ex linotipista

 

COLUMBIA (California). «Sono un operatore "Letter-type" e passerò parola del vostro meraviglioso sito ai miei amici». Floyd D.P. Oydegaard, editore-proprietario della Columbia Gazette www.columbiagazette.com

 

MODESTO (California). «Caro amico, mi complimento per il lavoro che hai fatto. "Linotype & Linotipisti" unisce persone di tutto il mondo che hanno qualcosa in comune: l'amore per la linotype». Ernesto R. Gomez

 

TRAPANI. «Ancora complimenti e auguri per la sua attività on-line». Renato Alongi, Museo della stampa

 

NEW YORK. «Sto cercando informazioni sulle fabbriche di matrici Traldi e Simoncini. Lavorano ancora? Sono alla ricerca di una serie di matrici corpo 8 Helvetica. Sono un meccanico delle Linotype negli Stati Uniti. Ho lavorato per Intertype e Star Parts». Greg Timko, GTGraphic Service & Supply  

 

ALMESE. «E' veramente interessante leggere il suo sito. Le linotype le ho viste di stricio nel 1980 quando fondai un giornale. Adesso sto creando una pagina web sui periodici locali in Italia». Paolo Bugnone

 

«Mi aiuti a identificare una Linotype Modello B-2962 8-42867? Secondo me la "B" non è corretta». Mike Metz

 

AVELLA (Avellino). «Ho una Linotype Modello 5 (n. 49690R) costruita dalla Mergenthaler Linotype Co. (Usa) che cederei a qualche collezionista di macchine tipografiche. Attualmente non è funzionante, penso per qualche problema elettrico. Venderei anche una Pedalina Victoria del 1923 formato 30x45 e una Adast Grafopress Gpc». Pellegrino Ferrante

 

TORRANCE (Canada). «Sono un anziano linotipista (81 anni) e desidero ringraziarti per aver costruito un sito che ricorda la gloriosa Linotype. E' molto interessante e lo farò conoscere ad altri ex colleghi che certamente lo apprezzeranno». Frank Riklan

 

CHILE. «Mi è arrivata la tua e-mail da "Sala de Prensa". Puoi scrivermi in italiano, vedrò di aiutarti nelle tue ricerche». Andrea Purcell

 

ENDOWED (N.Y.). «Ho l'esperienza di 42 anni nell'industria della stampa (sono stato un membro dell'Unione tipografica internazionale). Ho cominciato a lavorare nel 1958 al The Daily Bulletin, Edict, e poi a diversi altri giornali. Nel '72 ho lasciato i giornali e ho lavorato per la Cornell University. Nel '75 lavoro a Sayer, PA, in una fabbrica di etichette per indumenti (Paccar). Ho lasciato la linotype per un calcolatore, ma lavorare alla linotype era decisamente più divertente». Karl R. Saddlemire

 

MINNEAPOLIS (Minnesota). «Metterò a conoscenza del vostro sito uno dei miei volontari che lavora al nostro museo del giornale e fa funzionare una linotype. Intanto compra, vende e ripara le linotype e così divide con loro il suo amore». Renee McGivern, Executive Director «Minnesota Newspaper Foundation»

 

BUENOS AIRES (Argentina). «Ho iniziato a guardare "Linotype & Linotipisti": è un piacere. Sarà utile per gli studenti di comunicazione e di disegno grafico. Ho inviato la tua lettera ai miei amici». Gabriel Impaglione, direttore Radio Universidad Nacional de Luján

 

WINCHESTER (Regno Unito). «Grazie per la vostra lettera. Informerò del vostro sito i pochi linotipisti che sono ancora qui (anche se ora tutti usano le nuove tecnologie), sperando possano fornirvi personali testimonianze». Alan Cleaver, Editor «Hampshire Chronicle»

 

LITTLETON (Massachusetts). «Grazie per avermi fatto conoscere il tuo sito. Ho lavorato alle Linotype dal 1968 al 1981. Il mio lavoro consisteva nel disegnare i caratteri tipografici. La maggior parte del mio lavoro è stato diretto alle macchine fotomeccaniche come Linofilm e Vip, ma non trascuravo ancora le ultime Linotype che ancora lavoravano in quegli anni. Ora quella parte del mio lavoro fa bella mostra nel The Friends of the Museum of Printing, dove puoi trovare ancora nove Linotype e chi le fa funzionare». Larry Oppenberg, President «Galapagos Design Group» http://www.galapagosdesign.com/

 

BLACKSBURG (Virginia). «Io non posso fornirti altre informazioni sulla Linotype. Però voglo aggiungerti ai link del mio "Graphic Comm Central" (http://teched.vt.edu/gcc/), dove professori e studenti dell'arte grafica possano trovarti». Mark Sanders, College of Human Resources and Education

 

CITTA' DEL MESSICO. «Grazie per dividere il tuo sito con noi per mantenere viva la memoria. Io ricordo ancora il mio primo contatto con la Linotype, tanti anni fa. Intanto inserirò il link del tuo sito nella mia pagina». Gerardo Albarrán de Alba, «Sala de Prensa» www.saladeprensa.org

 

STALYBRIDGE (Regno Unito). «E' curioso che tu mi abbia scritto. Io sono nato a Broadheath vicino a Altrincham nella Contea di Cheshire. A Broadheat c'è Atlantic Street, dove hanno sede le più famose aziende meccaniche del North West dell'Inghilterra, inclusa la "Linotype & Machinery Co.". Il secolare stabilimento è ancora esistente, non produce più macchinari da stampa e si è diviso in un gruppo di tante piccole aziende». Chris Wyatt  

 

«Ho visto il tuo meraviglioso sito sulla Linotype. Hai mai sentito parlare di una serie di matrici per la Linotype chiamata Berline Antique? E anche di un'altro corpo di caratteri chiamato Romana? Avvisami se riesci a ottenere qualche informazione». Jim Babbitt yarrow@infomagic.com

 

CANADA. «Grazie per avermi scritto. Ho visitato il vostro sito e ho trovato che il contenuto e il materiale di interesse storico è davvero impressionante. Attualmente sono occupato in parecchi progetti, vedrò in un futuro prossimo di potervi fornire altre informazioni da aggiungere al vostro già ricco sito. Vi auguro la migliore fortuna per il vostro progetto. I miei migliori saluti. P.S.: Per attrarre nuovi visitatori il vostro sito dovrebbe essere bilingue. E' un testo molto tecnico e la traduzione è perciò ingannevole e molto approssimativa: la traduzione automatica non è adatta a un testo tecnico così complesso. Attualmente non siete "internazionali". Fate un pensiero in proposito». Nicholas Fabian, Type Designer. http://web.idirect.com/~nfhome/type.htm

 

PROVO (Utah). «Ho visto un sito fantastico. La storia e il funzionamento della Linotype nel dettaglio. Non uso la Linotype e non posso fornirvi altre informazioni da aggiungere a un sito già così completo: l'ho messo tra i preferiti e ci ritornerò. Per quanto ne so è rimasta una sola Linotype a Provo, Utah, città in cui vivo: la si può vedere all'entrata del palazzo della Brigham Young University Press. Mi ricordo che a Fayette (Iowa), agli inizi degli Anni 60, quando ero ancora ragazzo, ho fatto una visita al giornale locale Fayette Leader dove ancora lavoravano le linotype. Il linotipista mi regalò una riga di piombo con il mio nome che conservo ancora adesso. Grazie per avermi fatto conoscere il suo sito». Bob Maxwell, Oak Lane Press

 

MILANO. «Diamo notizia del suo bel sito sul numero di maggio di Prima Comunicazione, nella rubrica "Editoria fai da te"». Claudio Cazzola, redattore di «Prima Comunicazione»

 

COLORADO SPRINGS. «Printusa.com sarà compiaciuto di preparare una pagina che promuova il vostro sito come strumento educativo. Per voi sarebbe possibile tradurlo in inglese (la decima meraviglia del mondo)? E sarebbe ancora possibile costruire una pagina di collegamenti ad altri siti che si occupano di Linotype?». Martin Lee Turnbull, Manager PrintUSA

 

FIRENZE. «Ho visto il tuo bellissimo sito dedicato alla Linotype e ai linotipisti. Io appartengo alla generazione successiva alla tua e ho ereditato il tuo mestiere. Ora siamo tastieristi, impaginatori, grafici, correttori di bozze e, in fondo, redattori. Io però non dimentico la vecchia tipografia perché in realtà quel mondo chi l'ha conosciuto non lo scorda. Abbiamo perso conoscenze e quindi abbiamo perso potere. Cerchiamo di non perdere la memoria». Licia Priami

 

ONTARIO (Canada). «Ho cercato la tua pagina, ma mi compare "not found". Problemi di linea o hai chiuso? Io sono stato linotipista dal 1950 al 1974 in diverse città dell'Ontario, Canada. Ho adoperato Linotype a un magazzino e multimagazzini, l'ultima era una Mixer con magazzini di corpo 8, 10 e 18 con un magazzino laterale con il corpo 24. Era una macchina magnifica. Spero di avere presto una tua risposta». Clarke Howard

 

STA MESA MANILA (Filippine). «E' una nobile impresa dedicare un sito web alle Linotype e a coloro che le usano. Come lei ha sostenuto è "una professione innovativa spazzata via dalle nuove tecnologie", perciò sarebbe tempo di sollecitare coloro i quali ancora usano la linotype a pensare come far sì che la linotipia riconquisti una qualche sua importanza nell'industria della stampa. Adottando magari nuovi metodi di stampa e nuove tecnologie in modo da poterla affiancare al computer. Così da ripristinare l'uso della linotype e creare un nuovo mercato attraverso la produzione di prodotti che non possono essere realizazti per mezzo di altre tecniche quali stampe laser a getto d'inchiostro e stampa su stoffa. La prego di informarmi su eventuali sviluppi riguardanti le linotype». Eric Catabijan, Chairman-President «Saint Mary's Printers, Inc.»

 

CARACAS (Venezuela). «Ho trovato un vecchio dépliant del nostro giornale El Nacional che fa un po' la storia del nostro quotidiano. Si parla anche delle Linotype che si utilizzarono a El Nacional fin dai suoi inizi. Le prime furono modelli 5, 8 e 14. Nel dépliant è riprodotta la modello 31, macchina della seconda generazione, entrata nel giornale nel mese di marzo del 1950. Le Linotype furono poi sostituite dalle "Electron" che offrivano altri vantaggi tecnologici. Lo stampato ricorda che i linotipisti del Nacional componevano una pagina del giornale in circa venti minuti». José Abbate, gerente di produzione de «El Nacional»

 

«In memoria di un mestiere romantico»: così s'intitola l'intervista di Ingrid Fuchs che Caffè Europa ha dedicato a Linotype & Linotipisti. Nell'Archivio Attualità del 13 maggio - www.caffeeuropa.it

 

SVIZZERA. «Un cordiale saluto dall'ultimo presidente del Gruppo Operatori Ticino (linotipisti). Complimenti per l'iniziativa». Pio Cencigh

 

KREUZTEL (Germania). «Sono compositore tipografico dal 1966. Prima lavoravo in una piccola manifattura. Noi non usiamo né Linotype né Monotype. Amiamo Gutenberg e componiamo a mano. La tipografia è la mia sola passione». Dieter Steffman, www.typographer.de

 

DARMSTADT (Germania). «Ho informato Mr. Dean Roper della tua richiesta. Abbiamo deciso di pubblicare un breve articolo sul nostro Magazine Newspaper Techniques. Con la speranza che tu possa ricevere qualche ulteriore contributo per la tua iniziativa». Uwe Junglas, Research Manager Ifra www.ifra.com/ (Inca-Fiej - Associazione internazionale della stampa a colori e Fédération Internazionale des Editeurs de Journaux)

 

MAHOMET (Illinois). «Il The News-Gazette, Champaign, Illinois (a circa 130 miglia a Sud di Chicago), ha pubblicato la notizia del tuo sito. Non sono però ancora riuscito a vederlo, forse a causa del mio vecchio computer. Ma ci riproverò. Intanto mi auguro che il tuo messaggio arrivi a quelli (ormai pochi) che hanno usato le vecchie Linotype e Intertype. Ti auguro una lunga e felice pensione». Leo Schwaiger

 

LOUISVILLE (Usa). «Il vostro sito è veramente interessante e lo inserirò nella mia lista. La nostra American Printing House for the Blind si occupa di stampa con il metodo Braille e lavora con un procedimento di stereotipia che esclude la tipocomposizione. Abbiamo iniziato nel lontano 1858 stampando in rilievo. La invito a visitare il nostro sito www.aph.org». Carol B. Tobe, Director Callahan Museum of the American Printing House for the Blind

 

TULSA (Oklahoma). «Caro Giorgio, sono molto sorpreso nel vedere un sito sulla Linotype. Sono stato linotipista per circa 12 anni, lavoravo a una mod. 31. Poi ho assunto la direzione delle nuove tecnologie. Lavoravo in una tipografia per alcune case editrici. Mi ricordo molto bene di quella macchina. Non conosco l'italiano, ma ho usato Altavista per la traduzione. Cercherò qualche fotografia da inviarvi. Di quel mestiere ho molti buoni ricordi. Che Dio ti benedica». Leroy Kattein

 

READING (Regno Unito). «Paul Stiff mi ha suggerito di visitare il suo sito. Sono contento che qualcuno mantenga vivo l'interesse per quella straordinaria tecnologia. Alcuni anni fa abbiamo avuto una Intertype e io provavo piacere quando vi lavoravo. Allora lavoravo alla Monotype, poi ho imparato da solo a far girare l'Intertype. Poche settimane fa sono stato in visita a un piccolo museo a Zutphen (Olanda): c'era un'Intertype funzionante con la quale ho dato una pratica dimostrazione agli studenti». Mick Stocks, Print Manager, Typography  

 

CONNECTICUT (Usa). «Confesso che il nostro ultimo esperto in materia di composizione a caldo, James Muldowney, ci ha lasciati nel dicembre 1997. Attualmente stiamo vendendo l'intera collezione di macchine da stampa all'Università dell'Utah. Noi siamo interessati ai mestieri storici, ma non continueremo a lungo la collaborazione con i musei della stampa. Ciò nonostante il vostro impegno nel ricordare questo particolare mestiere è davvero lodevole». Dennis R. Diehl, Chief Administrative Officer «The Newcomen Society of Usa»

 

PALO ALTO (California). «Sono un linotipista del Museum of American Heritage di Palo Alto. Abbiamo una modello 31 e io conservo ancora una G4 Intertype. E' sempre stato il mio hobby». John Grant

 

LYON (Francia). «L'elaborazione del vostro sito è un'eccellente idea e non mancherò di aggiungere un legame nelle nostre future pagine web». Pierre-Antoine Lebel, Documentaliste de le «Musée de l'imprimerie» http://www.bm-lyon.fr/musee/imprimerie.htm

 

NAIRN (Scozia). «Mi rallegro perché mantenete vivo il ricordo di questa meravigliosa invenzione, facendola conoscere anche ad altri. Non ho esperienza di Linotype, ma sono ugualmente interessato al vostro sito». Tim Honnor, «Piccolo Press»

 

HANNIBAL (Missouri). «Io ero linotipista al Courier-Post. Sono entrato al giornale il 22 aprile 1957. Ho 43 anni di servizio. La linotype era una macchina meravigliosa e ogni giorno il mio lavoro era una sfida per ottenere una produzione sempre più abbondante. Ho continuato la mia professione fino a quando l'ultima linotype ha dovuto lasciare il posto alla composizione a freddo. Poi ho dovuto fare un confronto: mi pare di essermi ridotto a ritagliare bamboline di carta». Kenn Linnenburger, Director of Operations «Hannibal Courier-Post»

 

HONOLULU (Haway). «Divido con voi l'interesse per la Linotype. Ho visitato il vostro sito e l'ho trovato meraviglioso. Presto lo aggiungerò nella nuova sezione della mia home page sulla composizione a caldo, così pubblicizzerò "Linotype & Linotipisti". Continuerò a controllare gli aggiornamenti, intanto apprezzo il lavoro che state facendo. Amerei avere la possibilità di contattarvi più direttamente». Tom Conlon, «Hot Metal Trade Service»

 

FRANCIA. «Il vostro sito è veramente interessante. Lo voglio aggiungere nell'elenco di Planèt typography nel prossimo aggiornamento». Jean-Christophe Loubet del Bayle, «Planèt typographie»

 

NORVEGIA. «Ho trasferito il vostro messaggio all'editore del nostro giornale. Auguro buona fortuna al vostro sito». Bjorn Wisted, Norwegian Newspaper Publishers' Association

 

CAIRO (Egitto). «Il nostro giornale "Cairo Times" è uscito quando la nuove tecnologie si erano già affermate. Tuttavia ritengo che, invece, l'Egyptian Gazette abbia usato le linotype sino al 1990. Il nostro articolista Samir Raafat potrà forse fornirle maggiori informazioni». Neil McDonald, Managing Editor Cairo Times

 

INDIANA (Usa). «La Linotype è un'arte ormai persa in questo Stato». Keith Hitchens, «The New Sentinel»

 

BAD HOMBURG (Germania). «E' stato un piacere visitare il vostro sito. Lo includeremo nella nostra lista di link preferiti. Noi della "Linotype Library GmbH - a Heidelberg Group company"  abbiamo raccolto il nome e l'eredità di Ottmar Mergenthaler. Abbiamo alcuni libri molto rari in lingua tedesca con parecchie immagini e descrizioni di Mergenthaler. delle sue macchine e della loro evoluzione. Siamo disponibili a fornirvi un aiuto per arricchire le vostre pagine». Otmar Hoefer, «Linotype Library - Ein Unternehmen der Heidelberg-Gruppe», Du-Pont-Straße 1 - D-61352 Bad Homburg

www.linotypelibrary.com/company/com_staff.html

 

IMPERIA. «Apprezzo il tuo sforzo di ricordare, che poi è all'origine della tua iniziativa. La memoria, in questo caso riferita a un mestiere in via di estinzione, fa il paio con la civiltà». Maurizio Vezzaro, «La Stampa - Cronache di Imperia»

 

HAMILTON (Usa). «Non sono un linotipista, ma ne conosco alcuni e li informerò del vostro sito. Nel nostro museo abbiamo una Linotype e due Intertype. Speriamo di rimettere in funzione la Linotype entro l'anno. Buona fortuna per il vostro lavoro». Jim Van Lanen Sr., President «Two Rivers Historical Society»

 

HUNTLY (Scozia). «Sono molto interessato ai vostri articoli sulla Linotype anche se non capisco l'italiano. Abito a Hunkly, una piccola città di 4000 abitanti a 40 miglia da Aberdeen. Abbiamo un vecchio castello che ci porta parecchi ospiti durante l'estate, una fabbrica di whisky a 10 miglia e tanta agricoltura. Le fabbriche di follatura della lana sono chiuse da anni. Ho letto del vostro sito sul settimanale locale Huntly Express nel quale ancora lavoro. Ho imparato il mestiere di linotipista su una Modello 4 e sono passato poi su una Mod. 48 SM. Sono ormai prossimo alla pensione e il vostro articolo mi ha riportato delle grandi memorie». Alex Bremner

 

READING (Regno Unito). «Grazie della segnalazione. Ho poca conoscenza della materia, ma spero di imparare qualcosa guardando il vostro sito. Certamente passerò la nota agli amici e colleghi, anche universitari». Paul Stiff, Department of Typography & Graphic Communication, The University of Reading

 

RIDGEFIELD. «Il vostro messaggio è stato ricevuto dalla nostra redazione che provvederà a inoltrarlo alle giuste persone che si interessano dell'argomento». Jack Sanders, «Hersam Acorn Newpapers»

 

CANBERRA (Australia). «Radiodiffonderò il suo messaggio affinché qualche ''vecchio'' linotipista si faccia avanti». Jack Waterford, Editor «The Canberra Times»

 

AUGUSTA (Georgia, Usa). «Ho appena  visitato il tuo sito sulla linotype, mi è piaciuto moltissimo. Quant'è piacevole ricordare i ''vecchi'' tempi». Debby van Tuyll

 

REGNO UNITO. «Ti ringrazio per avermi fatto conoscere la tua pagina. Informerò mio padre e alcuni amici che hanno conosciuto e usato la Linotype. Intanto, attraverso il Typographic Circles newletters, pubblicizzerò il tuo sito. Penso che la tua sia una bella idea. Voglio che altri tipografi conoscano il tuo indirizzo perché sono certo che apprezzeranno il tuo lavoro». Patrick Baglee

 

STATI UNITI. «Cari Jhistorians, voglio segnalarvi un sito interessante sulla Linotype. E' in italiano, ma si può tradurre e capirne la maggior parte usando il programma di traduzione di Altavista Http://world.altavista.com e digitando l'indirizzo del web della linotype. Si otterrà una discreta traduzione dall'italiano all'inglese». David Mindich, Editore «Jhistory», Saint Michael's College

 

NEW YORK. «La tua pagina mi sembra meravigliosa. Spero di aver capito l'italiano. Aggiungerò un link del tuo sito nella rubrica ''Hot Metal'' della nostra Web page». Bruce Lehnert, «Type Associates, Inc.»

 

BOSTON. «Le piccole buone mail come la tua che arrivano dagli stranieri sono benvenute. Io ammiro molto i tuoi sforzi e spero molto di poter leggere l'italiano per capire pienamente tutto. Mentre sto imparando l'italiano, ho coinvolto due altre persone a me vicine, che potrebbero essere interessate ai tuoi sforzi: 1) hai molte belle immagini di Linotype e parti di lavorazione. Il mio caro amico e collaboratore Mike Parker, a cui ho trasmesso il tuo messaggio, sta preparando un suo sito corredato da alcune fotografie dei suoi 20 o 30 anni di lavoro alla linotype (sino al 1980), sarebbero possibili degli scambi; 2) ho degli amici che lavorano vicino a me a Indian Hill Press che usano la linotype a cui ho girato il tuo messaggio. E' molto piacevole avere un nuovo sito da visitare». David Berlow  

 

NEW YORK. «Come va? Sto leggendo la sua posta. In futuro quando attiveremo i ''links'' nel nostro sito Web potremmo inserire anche ''Linotype & Linotipisti''. Così come potrebbe interessare a musei della stampa e a affezionati della professione». Maxim Zhukov, United Nations

 

NEW YORK. «Ti auguro buona fortuna. E passo parola». Roger Black, Chief Creative Officer, Circle.com

 

WEST HAVEN. «Grazie per avermi fatto conoscere la tua pagina. Penso vi interessi sapere che sono il progettista di una famiglia di caratteri chiamati Bryn Mawr, disegnati nel 1978-80 e messi in circolazione dalla Linotype Usa nel mese di aprile del 1984. E' stato usato con la 202 Phototypesetters, ma con l'avvento degli strumenti elettronici nel 1992 è stato preparato il nuovo ''TF Bryn Mawr'' del tipo di Treacyfaces. Auguri di buona fortuna per il tuo sito». Joseph D. Treacy, President & Director of Typography

 

MASON CITY. «Ho guardato con grande interesse il vostro sito dedicato alla Linotype. Nel passato sono stato un operatore, ma attualmente non ho più nessuna macchina, però ho ancora una Ludlow che uso frequentemente. Sono amico di Larry Raid a cui ho segnalato il sito». John G. Henry, «Cedar Creek Press»

 

PARMA. «Grazie della preziosa testimonianza che ha messo in rete per ricordare la sua professione. Sono certo che chi si occupa nel nostro Istituto di storia della stampa e dell'editoria avrà di che giovarsi della documentazione grafica e testuale da lei raccolta e organizzata. Complimenti». Prof. Alberto Salarelli, Istituto di Biblioteconomia e Paleografia, Università di Parma

 

MENLO PARK. «Il tuo sito è veramente interessante e istruttivo. Il mio problema è tradurre l'italiano. Sono l'editore del Calligraphy Guild's di San Francisco, California. Inserirò la recensione del tuo sito nella mia pubblicazione». Sherrie Lovler

 

NEW YORK. «Ho lavorato per l'Intertype americana. Ho parecchio viaggiato e ho visto molte macchine, anche russe e le italiane ''Menta''. Speriamo di ottenere un posto in quella rivoluzione industriale mai abbastanza conosciuta». Greg Timko, «GTGraphic Service & Supply»

 

BERLINO. «Ho inviato il tuo messaggio alla Linotype Library, la ditta che ha preso il posto della Linotype. Sono molto orgogliosi della propria tradizione e hanno sicuramente interesse a tenere vivo il ricordo». Alessio Leonardi

 

SUNNYVALE (California). «Ho visitato ''Linotype & Linotipisti''  e lo inserirò nel mio sito come contributo agli scritti tipografici». Dave Tribby, editore The Tribby Tribune e The Handset Journal, membro del San José Printers' Guild

 

NORTH ANDOVER (Massachussetts). «Presto inseriremo il vostro sito in una libreria virtuale. Abbiamo ancora delle linotype funzionanti». William Ricker, «The Friends of The Museum Printing»

 

LAVRAS, Minas Gerais (Brasile). Tribuna de Lavras na Itália titola la pagina 11, dedicata a Linotype & Linotipisti, della Tribuna de Lavras del 29 gennaio scorso. La Linotype ritorna nei giornali.

 

«La Linotype? E' in rete» è il titolo dell'articolo di Paolo Faranda sul settimanale Diario in edicola dal 9 febbraio. E così Linotype & Linotipisti ritorna sulla incomparabile carta stampata: a pagina 52 nella rubrica «Tutta la città ne parla». www.diario.it

 

TRAPANI. «Stiamo allestendo a Trapani un Museo della Stampa a seguito della donazione dell'intera collezione di un'antica tipografia trapanese. Mi complimento per la sua azione di diffusione della cultura tipografica e del mestiere di tipografo». Renato Alongi, Soprintendenza Beni Culturali e Ambientalli di Trapani, sezione Beni Etnoantropologici

 

ZAGABRIA (Croazia). «Il suo sito è bello e interessante: complimenti». Dottoressa Patrizia Raveggi, incaricata dell'Istituto Italiano di Cultura

 

HONG KONG. «Nel formularle ogni augurio per il suo sito la informo che qui ad Hong Kong non esistono né giornali né tipografie italiane». Pietro Giovanni Donnici

 

URBINO. «La regina della tipografia» è il titolo del bell'articolo di Gianluca Di Donfrancesco che «Il Ducato online» di Urbino ha dedicato al nostro sito lo scorso 19 gennaio. L'indirizzo del «Quotidiano online dell'Istituto per la formazione al giornalismo di Urbino» è: www.uniurb.it/giornalismo

 

MOOSE JAW (Canada). «Il vostro sito è molto interessante. Le illustrazioni sono eccellenti e rinverdiscono un ricordo dell'arte della stampa ancora sano e vivo nel mondo». Laurence Pion, editore-stampatore.

 

TORINO. «Belli i colori, più consoni, tendenti al grigio e alle sue sfumature, quasi come i colori predominanti nelle linotipie. Le immagini e i particolari delle macchine fanno tornare alla mente i bei momenti della professione». Valter Giachetti, ex linotipista

 

OULX. «Bel lavoro in onore della linotype. Ho anche un quadretto dipinto dal pittore torinese Vellan nei primi Anni 50, con una bella linotype». Francesco Nigrelli, linotipista

 

BOLOGNA. «Siamo convinti che il progredire delle nuove tecnologie non debba impedire la conoscenza delle vecchie». Redazione Quibologna, Scuola Superiore di giornalismo

 

ROMA. «Complimenti per il sito». Roberto Riccardi, direttore responsabile di Qui Italia, giornale on-line per gli italiani all'estero

 

CURITIBA, Paranà (Brasile). Il giornalista Desiderio Peron, del giornale bilingue Insieme ci augura un felice anno nuovo, «si può dire che è ancora nuovo». 

 

TORINO. «E' bello ricordare così questo bellissimo lavoro che non sta scomparendo, come vien facile dire. Sta cambiando, si sta evolvendo, si sta trasformando. Ma non cambia il suo scopo finale: che è la comunicazione». Alessandra Comazzi, giornalista de La Stampa

 

TORINO. «Ho visto il sito. Straordinario. Ho cominciato a leggere. Complimenti». Alberto Papuzzi, giornalista de «La Stampa». «La regina della tipografia se ne va». Pagina e-mail di Panorama Web del 2 dicembre 1999

 

NOVARA. Pietro Benacchio, giornalista, si dice commosso della «bella pagina amarcord» che ha scoperto attraverso la segnalazione pubblicata su Panorama Web

 

PIACENZA. La Redazione del giornale «Libertà» fa i complimenti per le pagine.

 

MILANO. Italo Cautela, ex  linotipista: «Continuo a far girare la voce contattando vecchi linotipisti. Ho detto "vecchi": forse è proprio l'età a porre un freno. Infatti, molti di loro non hanno voglia di mettersi al computer. Ma io non desisto. Spero che qualche giornalista, che ho già contattato, ti scriva. Bella la ricerca sui siti».

 

TORINO. Giuseppe Porporato, ex linotipista, manager dei sistemi: «Scrivendoti mi viene un po' di magone: quanta strada ho percorso da quando ero un "semplice" linotipista. Che la ricerca di migliorare la propria professionalità, la voglia di mettersi in discussione, il tentativo di essere al top tecnologico siano parte del dna dei linotipisti?».

 

______________________